May favourites: 5 Italian food idioms that will make you smile

It’s over, my long months spent at home in Italy are coming to an end, and I will be finally moving back to London in a couple of weeks, with mixed feelings and few quids in my pocket. Right now I have too many worries that won’t leave me alone and, consequently, I rapidly find myself stuck on ideas about what to write about. I tried everything, but I still haven’t found a method to overcome creative block, because apparently nothing seems to turn my brain off, the real culprit of the self censorship I apply on my “stream of consciousness”.

While thinking about not to think I accidentally dropped a bottle of water and my mom sarcastically told me: “your hands are made of ricotta”. I laughed first, but then I thought it would be interesting to share with non-Italian speakers my favourite Italian idioms about food. Oh and by the way, hands made of ricotta is the equivalent in English of being a butterfingers.

  • “Friggere con l’acqua”, literally “frying with water”, means trying to achieve something without the necessary economic means, being stingy but still attempting at doing something that would require money. It often happened to me to be invited to dinner and compliment the host on their food and hear: “Well, thanks, we do not fry with water”, meaning they prepared everything without cutting corners.
  • “Essere come il prezzemolo”, literally “to be like parsley”, meaning to be everywhere considering that parsley is the most used herb in the kitchen. Lately this expression is often referred to “celebrities” or even better to people from reality shows who don’t have any particular skills but are constantly on television, newspapers and/or the internet.
  • “Preso con le mani nella marmellata”, literally “to be caught with the hands in the marmalade jar”, meaning to be caught doing something wrong or forbidden. This expression originated from the love that kids have for sweet food and when, back in the day, they didn’t have nutella or oreos, they used to snack on bread with marmalade, but not too much. So they were tempted to steal the marmalade and often caught with their hands in the jar, doing exactly what they were forbidden to do.
  • “Cercare il pelo nell’uovo”, literally “to look for a piece of hair inside an egg”, meaning to be a fussy, meticulous person who always looks for imperfections in every single situation. The expression comes from the impossibility of finding a piece of hair inside an egg.
  • “Gallina vecchia fa buon brodo”, literally “the old hen makes a good broth”. This idiom refers to a woman who is no longer young but has acquired wisdom over the years. Something tells that I’ll use this for myself in the future, distant distant distant future.

These are my 5 favourite Italian idioms about food, but there are many more as in any other culture, which I’m curious to know, so please leave me a comment to quench my thirst for knowledge.

Hope to get rid of creative block as soon as I can.

 

And now in Italian.

E’ quasi finita, i miei lunghi mesi passati a casa in Italia stanno arrivando al termine visto che fra qualche settimana mi trasferirò di nuovo a Londra con sentimenti contrastanti e poche sterline in tasca. In questo momento ho troppi pensieri che non mi lasciano in pace e, di conseguenza, mi ritrovo senza idee su cosa scrivere. Ho provato di tutto, ma non ho ancora trovato un metodo per superare questo blocco, perché a quanto pare nulla sembra riuscire ad azzittire il mio cervello, che poi è il vero e unico colpevole della censura che ferma il mio ” flusso di coscienza”.

Mentre pensavo a come smettere di pensare, mi è caduta una bottiglia d’acqua dalle mani e mia mamma mi ha subito detto: “hai le mani di ricotta“. A parte la risata iniziale, ho pensato che sarebbe stato interessante condividere con i lettori non italiani i miei 5 modi dire preferiti riguardo il cibo.

  • Friggere con l’ acqua: significa cercare di ottenere un risultato pur non avendo i mezzi economici necessari. Spesso mi è successo di essere invitata a cena e di complimentarmi con i padroni di casa per la bontà delle portate preparate. Quasi sempre mi è stato risposto: “Grazie, mica friggiamo con l’acqua”, cioè tutto è stato preparato come si deve.
  • Essere come il prezzemolo, cioè essere ovunque visto che il prezzemolo è l’erba aromatica più utilizzata in cucina. Ultimamente questa espressione è spesso usata per descrivere varie “celebrità” o meglio (peggio?) ancora partecipanti di vari reality show che non hanno alcuna abilità particolare, ma sono costantemente in televisione, sui giornali e / o su Internet .
  • Essere presi con le mani nella marmellata, nel senso di essere sorpresi a fare qualcosa di sbagliato o vietato. Questa espressione è nata dall’amore che i bambini hanno per i dolci e quando non c’erano le merendine, l’unico dolce che ci si poteva concedere era pane e marmellata, ma ovviamente non troppo. Quindi la tentazione più grande era quella di rubare la marmellata ma spesso si veniva colti sul fatto.
  • Cercare il pelo nell’uovo, descrive una persona meticolosa ed esigente che cerca sempre di imperfezioni in ogni situazione. L’espressione deriva dall’impossibilità di trovare un pelo nell’uovo, visto che niente potrebbe penetrare il suo guscio.
  • Gallina vecchia fa buon brodo. Questa espressione si riferisce a una donna che non è più giovane, ma ha acquisito esperienza e saggezza nel corso degli anni. Qualcosa dice che userò questo modo di dire in un lontano, lontano, lontano futuro.

Questi sono i miei cinque modi di dire preferiti sul cibo, ma ce ne sono molti di più sia in nella cultura italiana, sia nelle altre. Se ne conoscete qualcuno, lasciatemi un commento.
Spero davvero di sbloccare le mie idee prima possibile.

Advertisements

Florence on a budget: some of the best cheap eats in town

Fiorenza

Before Easter holidays I was lucky enough to go back Florence for a couple of days, enough to realise how much I missed it.

During the years I spent studying in Rome, I used to go to Florence once a month to visit my partner, but at that time I couldn’t really appreciate the city and all it had to offer, mainly because I was a penniless student trying to get her degree as soon as possible. For the records, I’m still broke, but that’s another story.

Anyway my philosophy is that it’s still possible to travel and get the best of our holidays even on a budget, even when it comes to food. It’s fundamental to know exactly what to look for, and I’m here to tell you.

Schiacciata all’olio – this is the typical focaccia made in Florence: extra virgin olive oil and salt flakes create a crispy texture on the outside, while maintaining a warm and soft inside. The ideal would be to enjoy your schiacciata with cured meats, but I like it on its own and it seems I’m not the only one. You can find the best schiacciata in Florence at Pugi, a central bakery in Piazza San Marco. This one was 1.60 euro.

schiaccia

Lampredotto: the florentine street food par excellence. We are basically talking about tripe, but, to be more specific, it’s the fourth bovine stomach which is boiled with tomato, onion, celery and parsley. Then it’s served either on its own with salsa verde or in a sandwich. It may sound outrageous to many Florentines but I can’t stand chewy meat, therefore no tripe for me. Luckily for you guys, I can show you how lampredotto looks like because my partner loves it, so we could take a portion at one of the most famous Lampredottaio/Trippaio stalls around the city. This one is from Pollini, via de’ Macci, costed 3 euros.

Lampredottaio

IMG_0282 IMG_0284 IMG_0285

Panini and a glass of wine at I Fratellini, via dei Cimatori 38. Hearty snack or aperitif before dinner? look no further. This tiny shop has an extensive list of panini whose price is 3 euros. My suggestion is either goat cheese and sundried tomatoes or smoked ham with truffle sauce. Top it off with a glass of house wine and you’ll be happy for a total expense of 5 euros.

Did you have too much already? ok then, have a walk the Mercato Centrale (piazza del Mercato Centrale), you won’t get fat by looking at all the excellent produce, but your wallet might get slim.

IMG_0305

Wild boar prosciutto

IMG_0308

Calves’ hooves. Yes, they are edible.

IMG_0314 IMG_0315 IMG_0318

Oh, and don’t be greedy, buy something for your family and friends and relax because the amazing staff at L’angolo dei sapori will take care of shipping your precious Chianti back home.

IMG_0317

Wow, is it lunch time already? time to go to Trattoria Mario. This place is one of the best in Florence but you have to patient because they don’t accept reservations, so be prepared to queue. Due to its fame the place itself is always full and cramped, so you’ll have to share your table with strangers, but I assure you, you won’t regret being there, because the food is totally worth it. Tourists and some locals tend to go for bistecca alla fiorentina (florentine style steak), but my advice would be to avoid it for its gigantic size (usually starting from 900 gr.) and the price which should be around 35 euros per kg.

My partner and I shared two main courses: penne with duck sauce, tagliata steak with slightly pickled onions and two glasses of the house wine. Full and satisfied for 12 euros per person. Oh, they only accept cash, so have some at your fingertips.

IMG_0320

Penne with duck sauce

IMG_0324

Tagliata steak with onions.

Trattoria Mario, via Rosina R.

Yes, ok, but what about dessert, you may ask. Luckily enough, Florence has many excellent Gelaterie whose gelato is tremendous. My favourite one is Perché no!, via dei tavolini 19, because you can taste a genuine gelato made with the best products. 2 euros.

Pistachio and Tiramisu mousse.

Pistachio and Tiramisu mousse.

Perché No! via dei Tavolini 19R.

Time to go back home, but before catching the train it’s better to have something to eat, as I tend to be very hungry on public transports. I recommend the stuffed focaccia called “la favolosa” at All’antico vinaio. For 5 euros you get a huge schiacciata bread with pecorino cheese sauce, artichoke sauce, sbriciolona salami and sautéd aubergine. One word: divine!

Look at the queue.

Look at the queue.

All’antico vinaio, via dei Neri 74.

You’ll be so satisfied on your way back that you’ll already think about the next time you’ll visit Florence again.

 

And now in Italian.

Prima di Pasqua ho avuto la fortuna di tornare a Firenze per un paio di giorni, abbastanza per rendermi conto di quanto mi mancasse.

Negli anni in cui studiavo a Roma, andavo a Firenze una volta al mese per passare un po’ di tempo con il mio compagno che viveva lì, ma credo che in quel periodo non abbia davvero apprezzato appieno la città e tutto quello che aveva da offrire. Più che altro, perché ero una studentessa con pochi soldi che passava tutto il suo tempo a studiare per poter arrivare prima possibile alla laurea. Per la cronaca, non sono ancora diventata milionaria, ma questa è un’altra storia.

Comunque, la mia filosofia è che è ancora possibile viaggiare e godersi la vita anche con mezzi economici limitati. Anche quando si tratta di mangiare fuori. E’ fondamentale sapere esattamente cosa cercare, e io sono qui per darvi qualche consiglio su come mangiare bene a Firenze senza spendere un patrimonio che non avete.

Schiacciata all’olio – E’ la focaccia tipica di Firenze. Olio extravergine d’oliva e fiocchi di sale creano una texture croccante all’esterno, pur mantenendo l’ interno morbido e buonissimo. L’ideale sarebbe quello di gustarvi la schiacciata con dei salumi tipici, ma a me piace da sola e sembra che sia sono l’unica in città. A mio parere la migliore schiacciata di Firenze si può trovare da Pugi, la panetteria centrale in Piazza San Marco. Prezzo: 1.60 euro.

Lampredotto: il cibo di strada fiorentino per eccellenza. Stiamo parlando di trippa ma per essere più precisi, si tratta del quarto stomaco, chiamato abomaso. Questo viene bollito con pomodoro, cipolla, sedano e prezzemolo e servito sia da solo con salsa verde o in un panino. Può sembrare una bestemmia per molti fiorentini, ma non sopporto la consistenza gommosa, quindi non c’è trippa per me. Fortunatamente per voi, posso  mostrarvi come è fatto il lampredotto, poiché il mio compagno adora questo piatto, e così abbiamo preso una porzione da uno dei più famosi Lampredottai / Trippaio nella città. Quello in foto è di Pollini, via de’ Macci. Prezzo: 3 euro.

Panino e bicchiere di vino da I Fratellini. Uno spuntino sostanzioso? o un aperitivo prima di cena? I Fratellini è il posto per voi. Questo piccolo negozio ha una lunga lista di panini che vi faranno venire l’acquolina in bocca, a 3 euro l’uno. Il mio suggerimento è caprino e pomodori secchi o prosciutto affumicato con salsa al tartufo. Ovviamente accompagnatelo con un bicchiere di vino della casa e sarete felici e soddisfatti con soli 5 euro. Chi l’ha detto che la felicità costa cara?

I Fratellini, via dei Cimatori 38

Ne avete abbastanza? ok, allora smaltite il tutto con una passeggiata al Mercato Centrale (piazza del Mercato Centrale). Fortunatamente, guardare tutti quei prodotti eccellenti sui banchi del mercato non fa ingrassare, ma sarà il vostro portafoglio a dimagrire. Eh già, non fate i tirchi, comprate qualcosa per i vostri cari che vi aspettano a casa! Il mio consiglio? con vino e salumi non sbagliate mai. A meno che non siate musulmani.

Ma è già ora di pranzo? Allora si va alla Trattoria Mario. Questo posto è uno dei migliori di Firenze, ma dovete essere pazienti perché non accettano prenotazioni, quindi preparatevi a fare una lunga fila. Grazie alla sua fama meritatissima, il locale è sempre pieno, quindi dovrete condividere il tavolo con degli sconosciuti, ma vi assicuro che non ve ne pentirete, perché vale la pena.

La scelta più gettonata, specialmente dai turisti, è la bistecca alla fiorentina, ma io consiglierei di evitare, sia per le sue dimensioni gigantesche (di solito a partire da 900 gr.), sia per il prezzo che si aggira intorno ai 35 euro al kg.

Io e il mio compagno abbiamo preso due generose portate e ce le siamo divise: penne con sugo d’anatra, tagliata con cipolle e due bicchieri di vino della casa. Sazi e soddisfatti per 12 euro a persona. Ah, un’ultima cosa da tenere presente: si accettano solo contanti, perciò fate in modo da averne a portata di mano.

Trattoria Mario, via Rosina 2R, angolo con piazza del Mercato Centrale.

Sì, va bene, ma il dolce? A Firenze ci sono molte Gelaterie che producono un gelato eccezionale. Il mio preferito è quello del Perchè no!, perché al primo assaggio è possibile capire che siamo lontani anni luce dalle polverine chimiche, a favore di materie prime di altissima qualità. Il tutto per 2 euro.

Perché no! via dei Tavolini 19R.

Sfortunatamente è già ora di tornare a casa, ma prima di prendere il treno è meglio avere qualcosa da mangiare, non so perché ma quando viaggio mi viene una fame pazzesca. Il mio consiglio è la focaccia ripiena “la favolosa ” da All’Antico Vinaio. Con 5 euro abbiamo un gran bel pezzo di schiacciata con salsa al pecorino, salsa ai carciofi, salame sbriciolona e melanzane saltate. In una sola parola: divino!

All’Antico Vinaio, via dei Neri 74.

Sulla vostra via verso casa sarete così soddisfatti che penserete già a quando tornerete di nuovo Firenze .

The best Sunday Brunch in London for broke people

 

I have to confess, I never had a Sunday Brunch in my life. Firstly, I could try to justify myself with my Italian origins and the fact that my country has no such thing as a hybrid meal. However, as they say, “When in Rome, do what the romans do” (my advice as an Italian who lived in Rome? don’t stick to this saying literally).

In this case we are in London, England, the country that started the tradition of Brunch, even though it’s now considered an American classic.

So, Sunday Brunch in London, let the search begin.

When I think about Brunch, I always imagine lavish Gossip Girl-style buffets, every kind of food you could possibly imagine, all washed down with jugs of Bellini. Actually, a place where my dream of feeling like Blair Waldorf for 1 hour can come true, really exists, it’s the CookBook CafèToo bad it costs £45 per per person and in this moment I can’t afford this luxury. At this point I think I might be worthy to consider cheaper options, even if it will make me feel more like the maid Dorota, rather than her filthy rich employer.

Being broke in a super expensive city like London doesn’t mean we have to give up and eat stale and dry sandwiches that taste like wet cardboard. I found a compromise, a good, and convenient one. It won’t be like sipping Bellini in the posh Upper East Side, but will draw a smile upon your face anyway, and what a better way to start your day?

Option 1: Caravan King’s Cross. A trendy and relaxing place, where it’s possible to have their own roasted coffee while enjoying an impressive menu that has everything: from the traditional Full English to corn fritters with avocado. A very good one is their Baked eggs in tomato and pepper ragout and Greek yoghurt with toast.

Price range from £2.5 to £9.5.

Option 2Kopapa in Covent Garden. Nice atmosphere and a particular menu that concentrates various options, from the classics like English breakfast, granola, yogurt and fruit, to light meals with more ethnic flavours just as their famous Turkish eggs with whipped yoghurt, hot chilli butter and toast.

Price range from  £2.80 to £12.50.

Option 3Dishoom Covent Garden. My choice.

When opening Dishoom, the project was to recreate the atmosphere of the old Bombay cafés founded by Iranian immigrants. I’ve never been to India, but this place is very close to my idea about that corner of Asia, with a vintage touch and and few pieces of furniture which remind customers they still are in 21st century London.

dishoom

Bacon naan roll @Dishoom

I chose Dishoom during my last visit to the capital and I’m so glad I did, because I could finally try their famous Bacon naan roll: chargrilled bacon caressed by herby cream cheese and warmly hugged by fresh and soft naan. And then, on the side, chili tomato jam, if you are adventurous enough to add an interesting contrast to that comforting flavour and create a perfect balance. Now, if you are wondering which drink would be the best match, I got two words for you: mint tea. Its flavour would refresh your palate from the tingly chilli tomato jam’s aftertaste.

The price you pay is just ridiculously cheap, even for those who are broke like I am: £3.70 for the naan roll and £1.50 for tea, plus the tip for the amazing staff. No need to say I’m going back again, but next time I’ll definitely get the Bombay Omelette and the Breakfast Lassi.

Price range from £1.50 to £9

So yes, broke people in the city, we can have an excellent Sunday Brunch at cheap prices. There’s still hope for us!

 

And now in Italian.

Devo confessare, non sono mai andata ad un Brunch in vita mia.

Prima giustificazione: in Italia non esiste alcun brunch o altro pasto ibrido al di fuori di colazione, pranzo e cena. Tuttavia, come si dice, “Paese che vai, usanza che trovi “.

In questo caso siamo a Londra, Inghilterra, paese che ha dato origine al Brunch, anche se ora è largamente considerato una tradizione americana.

Quando penso al Brunch, immagino sempre dei buffet alla Gossip Girl, carichi di ogni tipo di cibo che si possa immaginare, il tutto innaffiato da brocche di Bellini. Un modo per sentirsi come Blair Waldorf per 1 ora, a Londra esiste davvero, e si chiama CookBook Café. Peccato che tutto abbia un prezzo, anche i sogni, e in questo caso parliamo di £ 45 a persona. Un lusso che per ora non posso permettermi.

Vale la pena prendere in considerazione alternative più economiche, anche se questo mi farà sentire come la cameriera Dorota, piuttosto che la sua ricca sfondata datrice di lavoro.

Avere pochi soldi in una città super costosa come Londra non significa per forza dover fare il sacrificio di mangiare panini stantii e secchi che sanno di cartone bagnato. Bisogna trovare un compromesso. E io l’ho trovato, buono e conveniente. Non sarà come sorseggiare Bellini nell’Upper East Side, ma può rendere ugualmente felici, e quale modo migliore per iniziare la giornata?

Opzione n°1) Caravan a King Cross. Un posto rilassante e alla moda, dove è possibile godersi un ottimo caffè torrefatto in loco, gustando un menù che ha di tutto, dalla tradizionale colazione inglese alle frittelle di mais e avocado. Molto buone le loro uova al forno con pomodori, peperoni, salsa di yogurt greco e pane tostato.

Fascia di prezzo medio da £ 2,5 a £ 9,5.

Opzione n° 2) Kopapa a Covent Garden. Atmosfera vivace e un menu particolare che offre piatti classici come la colazione inglese, muesli con yogurt e frutta, ma anche sapori più etnici come le famose uova turche con salsa allo yogurt, burro al peperoncino e pane tostato.

Fascia di prezzo medio da £ 2,80 a £ 12,50.

Opzione n°3) Dishoom a Covent Garden. La mia scelta.

L’idea su cui si basa questo locale è quella di ricreare l’atmosfera dei vecchi caffè di Bombay, fondati da immigrati iraniani. Non sono mai stata in India, ma questo posto è molto vicino all’idea che mi sono fatta pensando a quell’angolo di Asia, con un tocco vintage, e alcuni complementi di arredo per ricordare che siamo ancora nella Londra del ventunesimo secolo.

Ho visitato Dishoom ultimamente e sono davvero felice di averlo fatto, perché ho potuto finalmente provare il loro famoso panino con pancetta e pane naan: pancetta grigliata e crema di formaggio alle erbe nel caldo abbraccio del naan appena uscito dal forno. Se vi sentite abbastanza avventurosi per provare un interessante contrasto, aggiungete la marmellata di pomodoro e peperoncino, perché la sua nota piccante crea un perfetto equilibrio di sapore. Ora, se vi state chiedendo quale bevanda abbinare, ho tre parole per voi: tè alla menta. Il suo sapore rinfresca il palato e spegne la sensazione piccante lasciata dal peperoncino.

Il prezzo è talmente basso da essere quasi ridicolo, anche per chi è sempre al verde come me: £ 3,70 il naan e £ 1.50 per il tè, più la mancia, meritatissima, per lo staff super veloce e gentilissimo.

Ovviamente ritornerò, ma la prossima volta non mi farò scappare la Bombay Omelette e il Breakfast Lassi.

Fascia di prezzo medio da £1.50 a £9

Quindi sì, squattrinati di Londra, possiamo avere un ottimo Brunch domenicale a prezzi contenuti. C’è ancora speranza per noi!

Confessions of a cheeseaholic

formaggi2

Photo: Dan

“Hi, my name is Francesca and I have a problem: I am a cheeseaholic.”

“Hi, Francesca”

Well, there’s nothing weird you might say, everybody loves cheese, even the poor lactose intolerant who reluctantly give it up. Yes true that, but I’m not referring to the bright yellowish/orangeish processed thing that you’ll find in cheap cheeseburgers. That’s not even cheese in my humble opinion, in fact sometimes I wonder what’s the real percentage of milk among the zillion of other chemicals in it.

What I really have passion for, is the good stuff of course, the artisan aged cheeses produced with care, time and patience. This slow process guarantees the full development of texture and flavours which vary not only according to different production methods, but, most of all, also to the grass that cows/sheeps/goats graze.

What’s so shameful about loving good cheeses? Well, first of all I’m the one who would pick cheese over a big slice of chocolate cake. Yes, boo for me. Secondly, and more importantly, I am known to my family and friends to select cheeses according to their aroma, or I should say, their stink. Because usually, the more they stink, the better their flavour is.

pecorino fossa

Pecorino di Fossa
Photo: Turismo Emilia Romagna

My father in law once bought an amazing pecorino di fossa, lit. “cheese of the pit” a type of cheese made with sheep’s milk and aged in underground pits. He went to the store asking every shop assistant for the stinkiest cheese they got, because “My daughter in law eats only stinky cheeses”. No need to say I never went back to that store ever since for how ashamed I was, even though everything my father in law said was completely true.

Anyway this pecorino had a bright yellow crust that faded to a paler shade towards the centre of the entire wheel of cheese. The smell was sharp and pungent like some football player’s sweaty socks after a match. Now, I know it may seem gross for the majority of people and although I’m not really a fan of that scent either, I have to admit it was the promise of an excellent flavour. When I put a tiny crumble into my mouth, I was overwhelmed by the robust and rich flavour that this cheese had, as I thought. So I had to go further and try to enhance that sensation even more, pairing that pecorino with honey. Usually cheeses can be paired with either honey or fruit sauces, because their sweetness or acidity can cut the sharpness of cheese by creating a clear, but perfectly balanced, contrast between the two flavours.

gorgonzola dettaglio

Gorgonzola, detail.
Photo: arbyreed

stilton

Stilton
Photo: Victor Bayon

Another favourite type of cheese is the blue one: Roquefort, Stilton or my favourite Gorgonzola. Amazing on toasted bread or, combined with walnuts, as base for a sauce that is unbelievably good for risotto or pasta. Again we are talking about a type of cheese that, yes, is stinky but has a really powerful flavour. I just regret that I waited until my twenties to try blue cheeses, because I was kind of disgusted by the mould cultures added during their production.

Then, a cheese that I must never run out of: 24 month aged Parmigiano Reggiano. Its sharp and nutty flavour improves every dish, from pasta and risotto to soups, meat, you name it.

parmigiano forma

Parmigiano
Photo: Wonsun

Since I live between the UK and Italy, every time I have to go back to the rainy England I bring some food from home, which is allowed within the EU, so I’m not smuggling anything. My English friends always make fun of me and say: “Don’t you know that Parmigiano is sold here as well?”. Too bad it’s not available everywhere and even if I manage to find it, it’s unquestionably expensive.

parmigiano dettaglio

Parmigiano, detail.
Photo: Sisterbeer

Once I had a huge block, around 2 kilos, in my hand luggage. I made the huge mistake of wrapping it in aluminium foil, so as soon as I passed the security checks, the metal detector went off and I had to open my bag. The officer gave me a weird look asking why I was bringing such a huge block of Parmigiano into the UK. I don’t know if he was surprised or disgusted because I had clothes and cheese in the same bag, even though they were perfectly separated. Ashamed for the people around looking at me, I tried to reply something reasonable but then he just bursted into laughter, telling me I was doing the right thing, and that the Parmigiano block would have never made me feel homesick. He was right, at least until I ran out of cheese.

Now it’s clear that I really hope I will never turn to be lactose intolerant, because it would be really hard to give up cheese for the cheeseaholic like I am.

Disclaimer: All images are copyrighted by their respective owners unless otherwise stated. Links/Credits are provided via click-through link or caption.  Clicking the link of the image will lead you to its source.

 

 

And now in Italian.

“Ciao, mi chiamo Francesca e ho un problema: ho una dipendenza da formaggio. “

“Ciao, Francesca. “

Non c’è niente di strano, direte voi, tutti amano il formaggio, anche gli intolleranti al lattosio che purtroppo devono farne a meno. Va bene, ma quando dico che adoro il formaggio, non mi riferisco a quelle robe industriali dal dubbio colore giallo acceso che si mettono nei toast, oppure i formaggi spalmabili che, parole di mia zia, hanno il gusto di pomata per le orecchie (quindi l’ha assaggiata?). Io non li chiamerei nemmeno formaggi, infatti a volte mi chiedo quale sia la reale percentuale del latte in mezzo a quella giungla di sostanze chimiche di cui sono composti.

Quello che amo davvero è, naturalmente, la roba buona, i formaggi artigianali prodotti con cura, tempo e tanta pazienza. Questo lento processo garantisce il pieno sviluppo della loro consistenza e del sapore, che varia non solo in funzione dei diversi metodi di produzione, ma, soprattutto, anche dell’erba in cui mucche / pecore / capre pascolano e di cui si cibano.

Cosa c’è di così vergognoso nell’amare ottimi formaggi? Beh, prima di tutto il fatto che non avrei dubbi a preferire dei formaggi ad una fetta di torta al cioccolato. E poi, ho la brutta reputazione, tra parenti e amici, di scegliere i formaggi in base al loro odore. O forse dovrei dire puzza. Perché di solito, più puzzano, più hanno un sapore indescrivibile.

Proprio per questa mia “caratteristica”, mio suocero ha recentemente comprato un ottimo pecorino di fossa, cioè un tipo di formaggio prodotto con latte di pecora e lasciato invecchiare in pozzi sotterranei. Nel suo negozio di fiducia, ha espressamente chiesto ad ogni commessa quale fosse il formaggio più puzzolente che avessero, perché ” Mia nuora mangia solo i formaggi puzzolenti “. Non c’è bisogno di dire che non sono mai più andata in quel negozio perché mi vergonavo, anche se tutto ciò che mio suocero aveva detto, era palesemente vero.

Comunque questo pecorino aveva una crosta giallo brillante che gradualmente assumeva una tonalità più chiara verso il centro dell’intera forma. L’odore era acuto e pungente come i calzini sudati di un calciatore dopo 90 minuti di gioco. Ora, so che può sembrare disgustoso per la maggioranza delle persone, infatti nemmeno io sono una fan di quell’odore ma devo ammettere che prometteva un sapore eccellente. E avevo ragione, perché al primo assaggio, sono stata a dir poco sopraffatta dal sapore robusto e ricco di questo pecorino. Dovevo necessariamente andare oltre e cercare di migliorare quella sensazione ancora di più, e c’era solo una cosa da fare, gustarlo con il  miele. Di solito i formaggi possono essere abbinati sia con miele sia con salse di frutta, poiché la loro dolcezza o acidità va a spezzare la sapidità del formaggio, creando un netto contrasto tra i due sapori, che però si equilibrano alla perfezione.

Un’altra categoria di formaggi che preferisco, è quella degli erborinati: Roquefort, Stilton o il mio preferito, il Gorgonzola. Gli erborinati sono incredibili sulla bruschetta, o con le noci, come base di una salsa per risotti o pasta.

Anche in questo caso si tratta di prodotti dall’odore abbastanza importante e dal sapore pieno. Mi pento di averli “scoperti” solo intorno ai vent’anni a causa del mio rifiuto psicologico di mangiare muffa.

Un formaggio che non deve mai mancare in casa mia è il Parmigiano Reggiano, preferibilmente quello stagionato 24 mesi. Il suo sapore ricco ma equilibrato trasforma e arricchisce il gusto di ogni piatto: dalla pasta ai risotti, alle zuppe e i secondi di carne.

Da quando vivo tra il Regno Unito e l’Italia, ogni volta che devo tornare in Inghilterra porto con me un po’ di cibo, che è perfettamente legale all’interno dell’Unione Europea. E ogni volta, i miei amici inglesi mi prendono in giro dicendomi: “Pensi che il Parmigiano non sia venduto anche qui?”. Peccato che quello buono non si trovi ovunque e anche se riuscissi a trovarlo, non credo che potrei permettermelo, visti i prezzi esorbitanti che ci sono in giro.

Una volta ho portato nel bagaglio a mano un pezzo di Parmigiano molto grande e pesante, probabilmente di circa 2 chili. Purtroppo ho fatto l’errore madornale di avvolgerlo nell’alluminio, quindi ai i controlli di sicurezza, il metal detector si è messo a suonare e ho dovuto far controllare la mia valigia. L’addetto mi ha guardata in modo strano, chiedendomi perché stessi portando un pezzo enorme di Parmigiano nel Regno Unito. Non so se fosse sorpreso o disgustato dal fatto che avessi i vestiti e il formaggio nello stesso bagaglio, anche se erano perfettamente separati. Con tutte le persone intorno che mi guardavano, piena di vergogna, ho tentato di rispondere a qualcosa di sensato, ma poi lui è scoppiato a ridere, dicendomi che stavo facendo la cosa giusta e che il Parmigiano non mi avrebbe mai fatto sentire nostalgia di casa. E aveva ragione, almeno fino a quando il formaggio è durato.

Ora è chiaro che spero di non sviluppare mai un’intolleranza al lattosio, perché sarebbe davvero difficile rinunciare formaggio per una “drogata” come me.

Disclaimer: tutte le foto sono protette da copyright e restano di proprietà dei loro autori. Cliccando sulla foto si potrà accedere direttamente alla sua fonte.

Sweet or Savoury? This is the breakfast question.

 

As the average Italian, one would guess I’d start every single morning with cornetto (croissant) and cappuccino. Well, as much as I would love to stuff myself with nutella or custard filled pastries, I actually surrender to a sadder but healthier breakfast, consisting either in milk and cereal or a latte and some bread with jam. Don’t you see a common denominator? Italian breakfast has to be sweet. No alternatives.

When I was younger, I never really questioned whether breakfast should be sweet or savoury, until I started travelling and I finally could analyse different details from a newer perspective. Like that time in Berlin, when I saw a group of Asian men eating seafood at 7 a.m. and I was nauseated first and then a bit puzzled, because I couldn’t understand why anyone would choose to eat fish in the morning. Thinking about this episode, I am sure that back then if someone had told me that years later I’d be eating freshly cut sashimi at dawn in Tsukiji, Tokyo, I would have told them they were crazy! Or that time when my Japanese host-mother was shocked to hear I always had sweet breakfast, so the following day she felt obliged to prepare a beef patty with ketchup, roasted potatoes and steamed spinach. Panic. I didn’t know what to do, obey to my brain and my already nauseated stomach or to my manners? Thankfully, I am such a well behaved kid so I devoured everything as fast as I could possibly do, without actually tasting anything.

During my long stay in Japan I got used to have savoury breakfast, and I can proudly say that this habit I was forced into, contributed to open my mind to the point of willingly explore the uncountable options to start my day during my travels around the world.

Of course once I was back in Italy I got back into my sweet habits as well, but my curiosity always made me wonder why the world is split in half, with countries that have traditional savoury breakfast while others have likewise strong sweet food habits that can’t be questioned. After some research, I can say that the global tendency for breakfast is for savoury food with, sometimes, sweet options like jam and/or fruit. For example, almost all European countries have both savoury and sweet products with the exception of Italy and France whose breakfast is always sweet. Of course if there is any French reader out there who disagrees, feel free to let me know, because I’m sure that among millions of people in both countries there is a fair number who prefers starting their morning with salted food.

The question here is why there is such distinction between sweet and savoury breakfast in different countries. So I tried to think about the possible answers considering the European geographic area (sorry rest of the world), but I think the whole reasoning can be undoubtedly applied anywhere else.

The first and more obvious hypothesis that comes to my mind is the different climate for each country, as a source of influence on agriculture, breeding and therefore on eating habits. On the one hand there are Northern European countries whose rigid climates challenge the body to keep its temperature in cold weather, so a breakfast rich in proteins and fats (e.g. bacon, eggs and sausages) helps to restore its internal balance. On the other hand, Mediterranean coastal countries have a temperate climate that allowed their population to cultivate wheat, cereals and fruit from ancient times. We find these product very often in the typical breakfast of these countries, together with milk or yoghurt as the main source of proteins. With moderate climate and temperature, in theory, the body has less difficulties in keeping its internal balance, so additional sources of fat shouldn’t be necessarily integrated.

After the natural characteristics of the different geographic areas, the second factor that could have influenced the breakfast habits is connected to social status. Sweet goods were once considered a luxury, therefore they were almost exclusively affordable for a small percentage of wealthy people. However, the growth of sugar industry led to the mass production of the sweetener, therefore prices became affordable and lower classes could finally purchase such a luxury good and use it for the consumption of food and beverages.

Since times have changed and given the large variety of affordable sweet and savoury goods, the choice of what to eat for breakfast is currently influenced also by our level of health. In fact, a breakfast rich in saturated fats, like the Full English one, increases the production of cholesterol, triglycerides and insulin. This leads to the further production of fats, meaning weight gain, which we don’t really wish for. However, it should be said, this doesn’t mean that it’s healthy to eat buttery sugary pastries every morning because the levels of glycaemia would likely raise.

These are just general hypothesis on the two different breakfast options, but I believe they all influenced the concept of modern breakfast if we keep in mind the timeline of history and the social changes occurred throughout the centuries.

Considering the large selection of both sweet and savoury breakfast we have, and a lifestyle that is definitely better than our ancestor’s one, we have the freedom to choose whatever we like. Still, at the end of the day (or in this case at the beginning of the day) we tend to go for the option we are most familiar with: be it sweet or savoury. So the answer to the question why some countries have either savoury or sweet breakfast, is the most obvious one: different cultures and strong traditions which don’t easily change.

And now in Italian.

Si potrebbe pensare che, in quanto italiana, incominci ogni mattina con cornetto e cappuccino. Beh, per quanto mi piacerebbe abbuffarmi di cornetti alla nutella o alla crema, in realtà mi rassegno ad una colazione un po’ più triste ma sana, e che consiste: in latte e cereali o latte e caffè con pane e marmellata . Lo notate il denominatore comune? La colazione italiana deve essere dolce. Non c’è nessuna alternativa. Punto.

In realtà non mi sono mai chiesta se la colazione dovesse essere dolce o salata, fino a quando ho iniziato a viaggiare e finalmente ho potuto analizzare diverse situazioni da altre prospettive. Come quella volta a Berlino, quando ho visto un gruppo di uomini asiatici mangiare del pesce alle 07:00 di mattina. Ero disgustata e perplessa, perché non riuscivo a capire come si potesse scegliere di mangiare del pesce al mattino. (Pensando a questo episodio, sono sicura che se allora  qualcuno mi avesse detto che anni dopo mi sarei ritrovata a mangiare del sashimi freschissimo alle prime luci dell’alba a Tsukiji, Tokyo, lo avrei chiamato pazzo. ) Oppure quando la mia host-mother giapponese rimase scioccata nel sentire che avevo sempre fatto colazione dolce, così la mattina dopo si sentì quasi obbligata a prepararmi una sorta di hamburger con ketchup, e contorno di patate al forno e spinaci al vapore. Panico. Non sapevo cosa fare, obbedire al mio cervello e il mio stomaco già sotto sopra o alle buone maniere? Per fortuna, io sono una “brava bambina”, così ho divorato tutto più velocemente possibile, evitando di assaporare quello che stavo mangiando.

Durante il mio soggiorno in Giappone, mi sono abituata a fare una colazione salata, e posso dire con orgoglio che questa abitudine forzata dalle circostanze, ha contribuito ad allargare i miei orizzonti e la mia curiosita verso le molteplici opzioni culinarie per iniziare la giornata durante i miei viaggi intorno al mondo .

Naturalmente una volta ritornata in Italia, sono tornata di nuovo alle mie “dolci abitudini”, ma la curiosità mi ha sempre spinta a chiedermi come mai il mondo sia diviso a metà, con i paesi che hanno una colazione tradizionale salata, mentre altri hanno abitudini alimentari altrettanto forti ma dolci, e che non vanno mai messe in discussione. Dopo alcune ricerche, posso dire che la tendenza globale a colazione è per il cibo salato, contemplando delle opzioni dolci solo per marmellata e / o frutta. Ad esempio, quasi tutti i paesi europei hanno prodotti sia dolci sia salati, con l’eccezione di Italia e Francia, il cui primo pasto della giornata è sempre dolce. Naturalmente se c’è qualche lettore francese là fuori che non è d’accordo, non esiti a farmi sapere, perché sono sicura che tra milioni di abitanti in entrambi i paesi ci sia un discreto numero di persone che, una volta sveglie, ha voglia di cibi salati.

La domanda qui è perché c’è una distinzione tra la colazione dolce e salati in diversi paesi. Così ho provato a pensare alle possibili risposte, considerando l’area geografica europea, ma penso che l’intero ragionamento possa essere applicato senza dubbio altrove.

La prima e più evidente ipotesi che mi viene in mente è la differenza di clima per ciascun paese, come fonte di influenza sull’agricoltura, l’allevamento e quindi sulle abitudini alimentari. Da un lato ci sono i paesi del Nord Europa i cui climi rigidi rendono necessaria una colazione ricca di proteine ​​e grassi ( ad esempio, pancetta, uova e salsicce) per aiutare il corpo a mantenere la propria temperatura. Dall’altro lato,  ci sono i paesi che si affacciano sul Mediterraneo. Essi hanno un clima temperato che, dall’antichità, ha permesso alla loro popolazione di coltivare grano, cereali e frutta. Cibi che sono presenti molto spesso nelle colazioni di questi paesi, ma sempre accanto ad una fonte di proteine che qui troviamo nel latte o nello yogurt. Con un clima e una temperatura moderata, in teoria, il corpo ha meno difficoltà a mantenere il suo equilibrio interno, perciò non è necessario integrare nel pasto delle ulteriori proteine o grassi.

Dopo le caratteristiche naturali delle diverse aree geografiche, il secondo fattore che potrebbe aver influenzato le abitudini colazione è collegato allo stato sociale. I prodotti dolci una volta erano considerati un genere di lusso, quindi erano quasi esclusivamente ad appannaggio di una piccola percentuale di cittadini benestanti. Tuttavia, la crescita dell’industria dello zucchero ha portato ad una produzione di massa del dolcificante, per cui i prezzi sono diventati accessibili, e anche le classi meno abbienti hanno potuto finalmente acquistare un tale bene di lusso e usarlo per il consumo di alimenti e bevande.

Dal momento che i tempi sono cambiati e data la grande varietà di prodotti dolci e salati a prezzi accessibili, la scelta di cosa mangiare a colazione è attualmente influenzata anche dal nostro stato di salute. Infatti, una prima colazione ricca di grassi saturi, come quella inglese, aumenta la produzione di colesterolo, trigliceridi e insulina. Questo porta ad una ulteriore produzione di grassi, il che significa un aumento di peso. Tuttavia, va detto, questo non significa che sia sano di mangiare brioches zuccherate e piene di burro ogni mattina, perché i livelli di glicemia aumenterebbero rapidamente.

Queste sono solo ipotesi generali riguardanti i due diversi tipi di colazione, ma credo che abbiano almeno un po’ influenzato quella che è la colazione moderna, tenendo presente la cronologia della storia e dei cambiamenti sociali che si sono verificati nel corso dei secoli. Considerando la vasta scelta di prodotti dolci e salati che abbiamo, e uno stile di vita che è migliore rispetto a quello dei nostri antenati, abbiamo la libertà di scegliere ciò che ci piace  senza troppe costrizioni. Eppure, alla fine ( o in questo caso, all’inizio della giornata ), tendiamo a scegliere quello con cui ci sentiamo a nostro agio, sia esso dolce o salato. Quindi la risposta alla domanda sul perché alcuni paesi hanno una colazione dolce o salata, è la più ovvia: le diverse culture e le forti tradizioni che non cambiano facilmente.

Japan and the symbolic meaning behind Baumkuchen

Nemo propheta in patria is a Latin saying meaning that it’s easier to be acknowledged outside our own familiar environment rather than in it. That’s exactly what happened for a European cake, called Baumkuchen, in Japan, where it’s one of the most popular baked goods.

Baumkuchen is layered cake which is baked by pouring or brushing a batter made of eggs, flour, sugar, vanilla, and butter on a special rotating roll that is constantly heated. In this way, beautiful golden rings create the structure of the cake. This method gives Baumkuchen its characteristic crosscut tree shape that it’s possible to see when the entire log gets sliced.

The exact origins of Baumkuchen still remain unclear, because both Germany and Hungary claim them. It seems that the first traces of a written recipe appeared around 1450s, but along with the time the preparation method and the ingredients changed into the 18th century recipe, that is the one currently used.

Considered its origins, Baumkuchen is popular in northern and eastern Europe but each country has its own variation. However, even though I live in Europe, I had never heard of that, until 2008 when I went to Japan for the first time. The recipe of this cake was brought in Japan after the first World War by the German confectioner Karl Joseph Wilhelm Juchheim who opened the famous Juchheim chain of bakeries. From that moment, Baumkuchen’s popularity increasingly acquired its current popularity.

It is really surprising to see baumkuchen everywhere, from high class patisserie to combini (convenience store) and even in Muji. Not to mention the variety of flavours: classic vanilla for purists or typical Japanese green tea and sweet potato, just to name a few.

matcha

Muji Matcha Baumkuchen
Photo: Leslie

remon

Lemon Baumkuchen
Photo: Nemo

After realising how popular Baumkuchen was in Japan, I started wondering the reason behind such a hype. I love cakes, I seriously do, but from my personal experience, I thought that Baumkuchen was not so special in terms of flavour. For this reason, I discussed with some Japanese friends who told me that, in their opinion, Baumkuchen’s popularity is just a matter of beauty: elegant concentric circles creating an almost perfect ring shape. Moreover, it’s also important to mention the symbolic meaning that both circle and the crosscut-tree-like shape share: perfection, unity and longevity. No wonder Baumkuchen is considered popular in Japan as a return present for wedding guests.

It’s definitely nice to notice such metaphorical concepts behind what a European or an American would consider just a cake.

We should never forget that both the West and Japan had strong but entirely different philosophical roots, but I guess the difference here is that, compared to the West, the Japanese never forget to look at the beauty of things while we are constantly distracted by their material aspect.* So, it’s just a cake.

But then, I don’t think that typical Japanese teenagers munching on their Baumkuchen from combini, think about aesthetics on their way back from school. Are they westerinsing themselves?

*I don’t think this is the place to discuss about Japanese aesthetics, but if you like to know more about it, I advise you to first give a look at the main aesthetic ideals. Then, if you find it interesting, I suggest you to read The Structure of Iki by Kuki Shūzō.

** if you would like to try Baumkuchen at home, give a look at this video. I know, it’s not the same.

Disclaimer: All images are copyrighted by their respective owners unless otherwise stated. Links/Credits are provided via click-through link or caption.  Clicking the link of the image will lead you to its source.

And now in Italian.

Di solito, quando si dice Nemo profeta in patria, si vuole indicare la difficoltà di emergere in un ambiente familiare rispetto alla presunta facilità che si potrebbe trovare all’esterno di esso. Questo è ciò che è accaduto ad una torta Europea, la Baumkuchen, in Giappone, dove è uno dei dolci più venduti.

La Baumkuchen è una torta composta da strati di impasto che viene colato o spennellato su un cilindro rotante. L’impasto, fatto da uova, farina, zucchero, vaniglia e burro, viene riscaldato uniformemente grazie all’apposito forno e al moto di rotazione del cilindro, così da creare un bellissimo anello dorato che si ricoprirà nuovamente di impasto fino a raggiungere il numero desiderato di strati. Questo metodo fara sì che, una volta tagliata, la Baumkuchen avrà la caratteristica forma a tronco d’albero con i suoi cerchi concentrici.

Ad oggi, le origini della Baumkuchen rimangono ancora incerte, perché vengono rivendicate sia dalla Germania, sia dall’Ungheria. Sembra che le prime tracce di una ricetta scritta siano apparse intorno al 1450, ma, con il tempo, ingredienti e metodo di preparazione si sono evoluti nella ricetta del diciottesimo secolo, ovvero quella che viene usata ancora oggi.

Considerate le sue origini, la torta Baumkuchen è popolare nei paesi del nord e dell’est Europa, però anche vivendo nel Vecchio Continente, non avevo mai sentito parlare di questo dolce fino al 2008, quando sono andata in Giappone per la prima volta. La ricetta della Baumkuchen venne portata in Giappone dopo la prima guerra mondiale dal pasticciere tedesco Karl Joseph Wilhelm Juchheim che fondò una catena di pasticcerie ancora oggi famose in tutto il paese. Da quel momento, la fama della torta Baumkuchen cominciò a crescere.

È sorprendente vedere questa torta ovunque, dalle pasticcerie d’alta classe ai combini (convenience store) e perfino nei punti vendita Muji. Per non parlare della varietà dei gusti: la classica vaniglia per i puristi o, per citarne alcuni, i tipici aromi giapponesi del tè verde o la patata dolce.

Dopo aver realizzato quanto questa torta fosse popolare in Giappone, mi sono effettivamente chiesta il motivo. Io amo le torte, la amo tantissimo ma, però ho pensato che la Baumkuchen non sia niente di speciale in termini di sapore. Per questo motivo, ho chiesto ai miei amici giapponesi la loro opinione in merito, e mi hanno risposto che secondo loro la torta è diventata famosa per la sua bellezza: stupendi cerchi concentrici che creano una quasi perfetta struttura ad anello. In più, è importante non tralasciare il significato simbolico del cerchio e del tronco d’albero: perfezione, unità e longevità. Non c’è da meravigliarsi che questa torta sia un regalo molto popolare che gli sposi fanno ai loro invitati al matrimonio come ringraziamento per i regali ricevuti.

È bello che ci siano dei significati simbolici dietro quello che un europeo o un americano considererebbe solo un dolce.

Non dobbiamo dimenticare che sia l’Occidente, sia il Giappone hanno delle fortissime ma, allo stesso tempo radicalmente differenti, radici filosofiche, ma credo che rispetto agli occidentali, i giapponesi non smettono mai di guardare alla bellezza delle cose mentre noi siamo sempre distratti dal loro aspetto materiale.*

Quindi, alla fine, sì, è solo un dolce.

Però, poi penso all’adolescente giapponese che al ritorno da scuola si ferma al combini per comprare una Baumkuchen, e non credo che si fermi a pensare all’estetica. Pensate che le giovani generazioni si stiano occidentalizzando?

*Non penso che questo sia il posto adatto per parlare di estetica giapponese, ma se volte approfondire l’argomento, vi consiglio di dare un’occhiata agli ideali estetici e poi magari considerare una lettura interessante, come può essere La struttura dell’iki di Kuki Shūzō.

** Se volete provare a fare la Baumkuchen in casa, date un’occhiata al video nell’ultima parte in inglese del post.

Disclaimer: tutte le foto sono protette da copyright e restano di proprietà dei loro autori. Cliccando sulla foto si potrà accedere direttamente alla sua fonte.

January’s list: the top 5 eating experiences to have at least once

Usually as the new year begins, we make a lot of resolutions that -let’s be honest- we hardly ever respect, but I would lie if I said I didn’t make an evaluation of last year and what I want in the future, not necessarily in 2014. I thought about an uncountable number things, and among the less serious ones there is, of course, eating experiences it would be nice to have in my lifetime.

So, here we are with my January’s top 5, actually in this case a bucket list. Don’t worry, there’s nothing weird, at least I hope.

1. Eating at Jiro’s, the best sushi restaurant in the world. Extremely expensive, I know, but food critics say the experience is worth every single penny. Besides, if Katy Perry dines at Jiro’s, why can’t I? I know, don’t answer.

Photo: @katyperry

Photo: @katyperry

2. Ordering a massive burger and giant milkshake at a vintage American diner. This might not sound special but, as European who hasn’t set a foot in the US yet, I always saw Diners in movies and I kind of want to feel like in a scene of Back to the Future.

3. Trying Pierre Hermé’s desserts as they are often described to have the perfect flavour.

Photo: Yuichi Sakuraba

Photo: Yuichi Sakuraba

4. Eating Magnolia Bakery’s cupcakes.

5. Doing an Italian food tour where I can try a couple of typical recipes for each region.

If my wallet allows me, my resolution for the near future is to travel as much as I can, in order to satisfy all my cravings, knowledge and emotions. Yes, emotions, just like when I was moved to tears after tasting the real sushi at Tsukiji market, or when I was treated to a Michelin starred restaurant for the first time last year. Am I a hopeless romantic? You bet, but let’s not talk about me now, because I’m interested to know the eating experiences you’d love to have in your lifetime. So, please, leave a comment.

Disclaimer: All images are copyrighted by their respective owners unless otherwise stated. Links/Credits are provided via click-through link or caption.  Clicking the link of the image will lead you to its source.

 

And now in Italian.

Di solito, con l’inizio del nuovo anno siamo propensi a fare i così detti “buoni propositi” che, siamo onesti, non rispettiamo quasi mai. Mentirei se dicessi che non ho fatto un bilancio dello scorso anno e di quello che vorrei per il mio futuro, non necessariamente per 2014. Ho perso il conto delle cose a cui ho pensato, ma tra le meno serie ci sono le esperienze culinarie che mi piacerebbe fare almeno una volta nella vita.

Quindi, ecco la mia lista. Non c’è niente di strano, o almeno credo.

  1. Mangiare il miglior sushi del mondo da Jiro, costosissimo, ma i critici dicono che vale ogni centesimo speso. E poi, se ci va Katy Perry, perché non posso andarci io? Ok, lo so il perché.

  2. Ordinare un hamburger e un milkshake giganti, in un diner americano vintage. Lo so, non suona come una cosa particolare, ma per me che non ho mai messo piede negli Stati Uniti, sarebbe come ritrovarsi in un film, come essere in una scena di Ritorno al Futuro.

  3. Assaggiare i dolci di Pierre Hermé, perché si dice che il loro sapore rasenti la perfezione.

  4. Provare le cupcakes di Magnolia Bakery.

  5. Fare un tour delle regioni italiane, assaggiando più di un piatto tipico per ognuna.

Se le mie finanze lo permetteranno, il mio proposito per il futuro è di viaggiare il più possibile, per soddisfare la mia fame di cibo, conoscenza ed emozioni. Sì, emozioni, come quando ho provato il vero sushi al mercato di Tsukiji e mi sono commossa, oppure la prima volta che ho mangiato in un ristorante stellato. Sono un’inguaribile romantica? Ci potete scommettere, ma basta a parlare di me, perché vorrei sapere quali sono le esperienze culinarie che vorreste fare nella vita.

Lasciatemi un commento.

Disclaimer: tutte le foto sono protette da copyright e restano di proprietà dei loro autori. Cliccando sulla foto si potrà accedere direttamente alla sua fonte.