July’s favourites: 5 London’s independent coffee shops that I love

Monmouth Coffee @Borough Market during my last visit. Coffee blend is Gichatha-ini from Kenya.

Flat White @ Monmouth. The blend is Gichatha-ini from Kenya.

My day doesn’t start until I get my cup of coffee. Not just because it wakes me up more quickly, but just because it’s a comforting habit, that takes different forms according to the context: from my Dad’s strong espresso back in Italy, to my much bigger paper cup and different blends in the UK or when I’m lucky enough to travel around the world.

I admit that in the first place coffee abroad meant to me the famous green siren logo, but there definitely was something else out there to try, and I had to try it. Needless to say that after the first independent coffee, it’s impossible to go back.

I always like to try a different one and these are my 4 favourite coffee shops that I discovered this month in London, plus my all time favourite that I always go back to.

Nude Espresso – This coffee shop has its own roastery where the staff takes good care of their coffee beans from the start, when they are still green. The House Blend has, according to my taste buds, a taste of licorice with a softer aftertaste, medium body and low acidity. Just to clarify, I’m not an expert, just a person who really loves coffee.

Nude Espresso, 26 Hanbury Street, London, E1 6QR (their roastery is just opposite the coffee shop and it’s open to public from Wednesday to Sunday)

 

Prufrock – Nice and cool atmosphere just as their informed and helpful staff. The House blend is light and sweet as it delicately cuddles you while waking you up in the morning.

Prufrock Coffee, 23-25 Leather Lane, London, EC1N 7TE.

 

Allpress Espresso – directly from New Zealand, Allpress team knows how to treat coffee and to prepare an amazing flat white. Their House Blend is sweet with caramel notes and low acidity, which makes it the ideal partner for milk.

FW@allpress

Flat White @ Allpress

The staff is not only very helpful, but also smiling and relaxed, which also leads customers to peacefully enjoy their coffee break, or their superb breakfast!

Allpress Espresso, 58 Redchurch Street, Shoreditch, London, E2 7DP.

 

Kaffeine – Another Australian/New Zealand coffee shop that perfected the art of Coffee Making. Their House Blend is a balance of sweetness and acidity, perfect, again, with milk to achieve an excellent flat white. They are Australian afterall!

Kaffeine’s supplier is Square Mile, one of the most awarded roasteries in the world.

Kaffeine, 66 Great Titchfield St, London W1W 7QJ.

 

Monmouth – well if you say independent coffee, you say Monmouth. This is my favourite coffee shop, the one I always find myself going back to. The reason is simple: there is the possibility to try their different blends for any coffee drink, just ask the highly knowledgeable staff. They will advise you on the kind of blend is better for the drink of your choice and your personal tastes. Then they will grind the exact quantity they need for your coffee and within minutes you’ll have it there, ready for you to enjoy it.

My advice is the House Blend if you like a smooth and sweet taste that reminds of almonds and chocolate, but if you want to try something with more body and acidity, try the Brazilian Fazenda da Lagoa, amazing for espresso.

FW@Monmouth

Flat White @ Monmouth. Brazilian Blend Fazenda da Lagoa (sky blue label)

Monmouth, 27 Monmouth Street Covent Garden London WC2H 9EU

 

I hope you guys enjoy these coffee shops as much as I do, not only for their high quality ingredients but also for the expert staff who is willing to help the customers and share the good coffee culture. And no, they will not misspell your name on the paper cup, which for me is a big thumbs up.

 

And now in Italian.

La mia giornata non inizia finché non bevo il mio caffè. Non perché mi svegli più in fretta, ma perché è un’abitudine che mi rassicura, e che cambia secondo dove mi trovo: dall’espresso ristretto di mio padre in Italia, alla mia cup di carta e le diverse miscele qui in Inghilterra, o quando ho la fortuna di viaggiare per il mondo.

Ammetto che all’inizio, associavo il caffè al di fuori dei confini italiani al bicchierone di carta con il famoso logo della sirena verde, ma sapevo che c’era sicuramente qualcos’altro là fuori e dovevo provarlo. Inutile dire che, dopo il primo caffè indipendente non si torna più indietro.

Mi piace sempre provarne uno diverso e questi sono i miei 4 caffè preferiti che ho scoperto in questo mese in giro per Londra, più quello che amo da sempre e in cui torno spesso:

 

Nude Espresso – Questo caffè ha la propria torrefazione dove il personale si prende cura dei chicchi di caffè fin dall’inizio, quando sono ancora verdi.

La miscela della casa ha, secondo le mie papille gustative, un sapore di liquirizia, con un retrogusto più morbido, di corpo medio e bassa acidità. Comunque io non sono esperta del settore, ma solo una persona che ama veramente il caffè.

Nude Espresso, 26 Hanbury Street, London, E1 6QR (la torrefazione è proprio di fronte alla caffetteria ed è aperto al pubblico dal Mercoledì alla Domenica)

 

Prufrock Atmosfera piacevole e giovane, proprio come il loro personale, competente e disponibile. La miscela della casa è leggera e dolce come una coccola delicata che ti sveglia dolcemente.

Prufrock Coffee, 23-25 ​​Leather Lane, Londra, EC1N 7TE.

 

Allpress Espresso – Direttamente dalla Nuova Zelanda, la squadra di Allpress sa come trattare il caffè e preparare un flat white straordinario. La loro miscela della casa è dolce, con note di caramello e bassa acidità, che lo rende il partner ideale per il latte.

Il personale non solo è molto disponibile, ma anche sorridente e rilassato, il che permette anche ai clienti di godersi la pausa caffè in pace. Oppure la loro colazione, che è superlativa!

Allpress Espresso, 58 Redchurch Street, Shoreditch, Londra, E2 7DP.

 

Kaffeine – Un altro locale Australiano/Neo Zelandese che ha perfezionato l’arte del caffè. La loro miscela della casa è un equilibrio di dolcezza e acidità, perfetto, ancora una volta, con il latte per ottenere un ottimo flat white. Dopotutto, sono australian!

Il fornitore di Kaffeine è Square Mile, una delle torrefazioni più premiate al mondo.

Kaffeine, 66 Great Titchfield St, Londra W1W 7QJ.

 

Monmouth – Se dico caffè indipendente, penso subito a Monmouth. Questo è il mio caffè preferito, quello in cui torno sempre. Il motivo è semplice: c’è la possibilità di provare le loro diverse miscele per qualsiasi tipo di caffè si scelga, basta chiedere al personale che è altamente competente. Vi consiglieranno la migliore miscela per la vostra bevanda, rispettando anche i vostri gusti personali. Poi macineranno la quantità esatta di chicchi di cui hanno bisogno per il vostro caffè, e in pochi minuti sarà pronto per essere gustato.

Consiglio la miscela della casa se vi piace un gusto morbido e dolce che ricorda le mandorle e il cioccolato, ma, se volete provare qualcosa di più corposo e con media acidità, allora chiedete la miscela brasiliana Fazenda da Lagoa, che è ideale per l’espresso.

Monmouth, 27 Monmouth Street Covent Garden Londra WC2H 9EU.

 

Spero che vi piacciano questi caffè tanto quanto piacciono a me, non solo per i loro ingredienti di alta qualità, ma anche per il personale esperto che è disposto ad aiutare i clienti e condividere la cultura del buon caffè. E no, non sbaglieranno a scrivere il vostro nome sulla cup di carta, che per me è molto molto positivo.

Advertisements

When healthy meets delicious: a chat with Tamara Arbib, founder of Rebel Kitchen.

Last month I was religiously visiting Wholefoods after ages, because it was absolutely necessary to keep myself updated with the latest food trends. So, while I was looking for new drinks, there it was, looking at me: the Rebel Kitchen Matcha Green Tea Mylk.

Screen Shot 2014-06-28 at 16.12.09

Great, I thought, it should be similar to the drink I used to have when I was in Japan, Once again my choices are extremely connected with memories and emotions.

Luckily enough there was a very kind lady who was giving samples of the entire Rebel Kitchen Mylk range to customers, so I took the opportunity to taste them all and also to be informed about their sustainably sourced ingredients and the healthy bits; in fact all drinks are made with coconut milk, meaning dairy free, and are naturally sweetened with date nectar, which makes them ideal for both children and adults.

Ok, but what about the taste? One word: amazing. This is because ingredients are carefully balanced, so there are no overpowering flavours. I confess I have a bias against dates, as I find them too sugary, but in Rebel Kitchen drinks they perfectly blend with the other ingredients without resulting extremely sweet.

Healthy and delicious almost never go together in the same sentence, but these two adjectives truthfully sum up the characteristics of Rebel Kitchen Drinks.

I felt the necessity to know more, so I did some research and I contacted Rebel Kitchen’s founder, Tamara Arbib who kindly agreed to answer my questions:

Q: I read you came up with the idea of producing your coconut based drinks because you were desperately looking for healthy and appealing alternatives to feed your children, but it does not really happen every day to start company on these basis. What convinced you to do make this step?

A: I’ve always been passionate about food and nutrition and my husband and I set up a charitable foundation called the A team foundation to help support and promote this goal. After 5 years within the space it was crystal clear we needed to show that health can be achieved not only through charitable endeavours but also through a business channel.

Q: “It’s important to drink milk because it makes you grow up stronger” I remember my mother kept telling me these words for years, so what would you say to those mothers like mine who would fear rebel drinks cannot compare because of their dairy free nature?

A: I think that coconut milk is tremendously nutritious and provides other nutrients in the form of MFC (medium fatty chain acids like lauric acid) that promote brain function and support the metabolism. Coconut milk is an antiviral and anti-fungal. You can get calcium from other plant based sources such a dark leafy greens. Nutrition and growing up strong can be achieved through a diet of whole and unprocessed foods. Milk is not a necessity past the baby stage.

Q: Did you invent and test the recipes yourself? Can you explain the entire process, from the idea to actualisation of those recipes?

A: Yes we did! in the rebel kitchen! I cannot tell you more as that would give our secrets away! hehe!

Q: I see you have a Coming Soon section regarding snacks on Rebel Kitchen’s website. Any anticipation?

A: I have a lot of ideas and the list is long…you’ll have to wait and see! We don’t want to rush and we have a lot to do with the mylks first!

Oh, I will wait for sure, maybe while sipping my favourite Rebel Drink!

 

Click here to know where you can find Rebel Kitchen Drinks near you.

Disclaimer: I am not affiliated with Rebel Drinks and I purchased the product myself for personal use unless otherwise noted. My opinion is completely honest and based on my own experience.

 

And now in Italian

Il mese scorso sono andata in “pellegrinaggio” da Wholefoods dopo secoli che mancavo, perché dovevo assolutamente tenermi aggiornata su tutte le ultime tendenze in fatto di cibo. Così, mentre cercavo nuove bevande, c’era lui, che dal banco frigorifero, mi attirava intensamente: il Rebel Kitchen Matcha Green Tea Mylk.

Perfetto, ho pensato, dovrebbe essere simile al latte al tè verde che bevevo in Giappone. Ancora una volta le mie scelte gastronomiche sono state fatte in funzione dei miei ricordi e delle mie emozioni.

Per fortuna c’era una signora molto gentile che stava facendo provare ai clienti l’intera linea Rebel Kitchen, così ho colto l’occasione per assaggiare tutti i loro drink e per essere informata riguardo gli ingredienti da agricoltura sostenibile e le loro proprietà benefiche. Tutte le bevande sono fatte con latte di cocco, ottimo per gli intolleranti al lattosio, e sono naturalmente dolcificate con sciroppo di datteri. Praticamente sono ideali per adulti e bambini.

Ok, ma il sapore è buono? Sì, incredibilmente buono. Questo perché gli ingredienti sono magistralmente equilibrati, quindi non ci sono sapori che prevalgono prepotentemente. Confesso che sono un po’ prevenuta contro i datteri, in quanto li trovo troppo zuccherini per i miei gusti, ma in queste bevande si fondono perfettamente con gli altri ingredienti, senza che il risultato finale sia estremamente dolce.

Sano e buono sono due aggettivi che quasi mai troviamo nella stessa frase, ma riassumono fedelmente la descrizione delle bevande Rebel Kitchen.

Dovevo assolutamente saperne di più, così ho fatto qualche ricerca e ho contattato il CEO Rebel Kitchen, Tamara Arbib, che ha gentilmente accettato di rispondere alle mie domande:

D: Ho letto che hai avuto l’idea di produrre le tue bevande a base di cocco perché eri disperatamente alla ricerca di una bevanda sana e, allo stesso tempo, invitante da dare ai tuoi figli. Non capita spesso di avviare un’ azienda su queste basi. Cosa ti ha convinta a fare questo passo molto importante?

R: Sono sempre stata appassionata di cibo e nutrizione,  per questo ho creato con mio marito una fondazione di beneficenza chiamato A Team per contribuire a sostenere e promuovere questo obiettivo. Dopo 5 anni dopo, era chiaro che dovessimo impegnarci per dimostrare che le sane abitudini possono essere instaurate non solo attraverso opere di carità, ma anche attraverso un canale di business.

D: “E’ importante bere latte perché ti fa crescere forte”. Ricordo che mia madre continuava a dirmi queste parole per anni, quindi cosa vorresti dire a quelle madri come la mia che potrebbero non essere convinte dalle tue bevande poiché non contengono latte?

R: Penso che il latte di cocco sia estremamente nutriente e fornisca altri nutrienti sotto forma di MFC (acidi grassi a catena medio come l’acido laurico) che promuovono le funzioni cerebrali e aumentano il metabolismo. In più, il latte di cocco è un antivirale e antimicotico. È possibile ottenere il calcio da altre fonti vegetali, come le verdure a foglia scura. Crescere forti e ben nutriti può essere possibile attraverso una dieta composta da cibi integrali e non processati. Il latte non è una necessità oltre la fase dell’infanzia.

D: Hai inventato e testato le ricette da sola? Potresti spiegare l’intero processo, dall’idea alla realizzazione?

R: Sì, l’abbiamo fatto! Nella Rebel Kitchen! Non posso dirti di più perché dovrei rivelare i nostri segreti! hehe!

D: Vedo che sul sito di Rebel Kitchen hai una sezione “Coming Soon” riferita a degli snack. Ci dai qualche anticipazione?

R: Ho tantissime idee e la lista è lunga … dovrete aspettare e vedere! Non vogliamo correre e abbiamo ancora tanto da fare per la linea Mylk!

Certo, aspetterò di sicuro, magari sorseggiando il mio Rebel Drink preferito!

Trovate i drink Rebel Kitchen da Wholefoods, Waitrose ed altre catene del Regno Unito (Clicca qui per sapere dove). Il sito ha una sezione shop che, per ora, spedisce solo nel Regno Unito, ma l’azienda si sta attrezzando anche per le spedizioni internazionali.

Disclaimer: Non sono in alcun modo legata all’azienda citata in questo post e ho acquistato personalmente il prodotto. Il contenuto del post riflette solo e soltanto la mia opinione e la mia esperienza del prodotto.

Why Nutella Bar at Eataly NYC is just a hype

This morning I opened my twitter and I noticed that the trending topic among the majority US food lovers I follow was the Nutella Bar that just opened at Eataly in New York City. A Nutella Bar?(click here for pics )

So, apparently dreams do come true, I thought. Well, at least as soon as I saw the menu,  and my expectations were smashed to smithereens.

  • Pane e Nutella: so… how is this supposed to be different from the bread and Nutella spread I usually have at home? Eataly special bread, you say? I bet NYC is overflowing with special bakeries (organic, kosher, vegan, hipster?). So if you buy your favourite loaf and a Nutella jar, the entire cost would cover a lot of pane e Nutella slices and you wouldn’t even have to leave your own kitchen.
  • Brioche or Saccottino: same thing as above. You can either buy your brioche or make it at home a fill them with Nutella.
  • Muffin: the menu says it’s just a muffin with Nutella spread on top. Again nothing special. I believe everybody can take their knife, dip it into a Nutella jar and spread it onto a muffin.
  • Tart: maybe the only thing that is worth ordering, but only if the the shortbread is excellent.
  • Crepe: nothing unusual or complicated, but I definitely wouldn’t judge a sudden Nutella crepe craving.
  • Bacio di Dama: or, as Eataly website states, hazelnut cookies sandwiched together with Nutella. Nothing I can’t do with my favourite or homemade cookies.

I am really surprised that people waited in line for 45 minutes to have snacks that they could have easily had at home, maybe spending less bucks.

Ok, hold on! It may be argued that Eataly’s marketing moves are aimed at using Nutella as it is, as a delicious hazelnut spread that improves and enhances everything the product is spread on. Yes, this is unquestionably true, but if I think about a Nutella Bar I imagine a particular and creative menu. For example various Nutella cakes and desserts (Nutella and pears, Nutella and coconut, tiramisù, just name a few), Nutella petit four, gelato and, last but not the least, drinks like smoothies, milkshakes or even cocktails. Can you imagine the hype then? it would be justified and rewarded, in fact I would be the first in line. That should be a Nutella Bar worth of its name.

I’m sorry Eataly marketing team, but I think anyone would have done better.

 

And now in Italian.

Come tutte le mattine, appena sveglia ho aperto il mio twitter e ho notato che l’ argomento di tendenza tra la maggior parte dei foodies americani che seguo era il Nutella Bar che ha appena aperto nella sede di Eataly a New York City. (cliccate qui per le foto)

Esatto, un Nutella Bar. “Ma allora i sogni si avverano!”, ho pensato. Beh, almeno fino a quando ho visto il menù, che ha ridotto le mie aspettative in mille pezzi.

  • Pane e Nutella – E… quindi questo dovrebbe essere diverso dal pane e Nutella che posso prepararmi a casa? “Ma Eataly ha il pane speciale”, potreste argomentare, ma scommetto NYC è piena di panetterie particolari (organic, kosher, vegan, hipster?), perciò se comprassimo il nostro tipo di pane preferito e un barattolo di Nutella, con la somma spesa potremmo preparare decine di fette di pane e Nutella senza lasciare la nostra cucina.
  • Brioche o Saccottino – stessa cosa come sopra. Siete liberi di comprare le vostre brioche preferite o farle in casa e riempirle con la Nutella.
  • Muffin – Secondo il menù, si tratta di un semplice muffin con un po’ di Nutella spalmata sopra. Anche in questo caso niente di speciale, perché credo che tutti possano prendere un coltello, intingerlo in un barattolo di Nutella e spalmare la crema di nocciole su un muffin.
  • Crostatina – forse l’unica cosa che vale la pena di ordinare, ma solo se la frolla è ottima.
  • Crepe – niente di speciale o complicato, ma di sicuro non giudicherò un’improvvisa voglia di crepe alla Nutella.
  • Bacio di Dama –  Il menù parla di un “sandwich” formato da due biscotti alla nocciola, uniti da una cucchiaiata di Nutella. Niente che non si possa fare con i nostri biscotti preferiti o preparati con le nostre manine.

Sono davvero sorpresa che i clienti abbiano aspettato in fila per 45 minuti per avere delle merende che avrebbero potuto facilmente preparare in casa in pochi minuti, magari spendendo meno soldi.

Ok, aspettate, si potrebbe anche sostenere che la strategia di marketing di Eataly miri a promuovere l’uso della Nutella “in purezza”, cioè come una deliziosa crema di nocciole che migliora e valorizza ogni prodotto su cui viene spalmata. Vero, senza ombra di dubbio, ma se penso a un Nutella Bar mi viene in mente un menù particolare e creativo: per esempio vari dessert e torte alla Nutella ( Nutella e pere, Nutella e cocco, tiramisù solo citarne alcuni), piccola pasticceria, gelato e, ultimo ma non meno importante, bevande come frullati, frappè e addirittura cocktail. Potete immaginarne l’hype mediatico e il successo? Secondo me sarebbe giustificato e premiato, e io sarei la prima della fila. Questo sarebbe un Nutella Bar degno di questo nome.

Mi dispiace, team marketing di Eataly, ma chiunque avrebbe potuto fare meglio.

 

A restaurant in your house? yes, you can.

Image

Whenever anyone outside my family finished their meal at my Nonna’s house, I often heard the words “So good, you should charge for this.” And then we would end up thinking about the right amount to charge and we would laugh about it.

Apparently, while I was laughing and being naive, someone else made a business out of it.

Underground Restaurants, the concept is simple and modern technologies have definitely helped in spreading the word. Basically you go on a website like Eatwith or Newgusto and look for all the possible dining experiences around your area or a city you plan to visit. Then you choose the most suitable option, pay (usually via paypal) and then go to have dinner on the booked date.

Underground Restaurants are the modern version of the Cuban Paladares, small home restaurants originated to serve authentic Cuban food to foreign tourists. Paladares have allowed Cubans to make small profits while being in contact with different people, an important opportunity to share culture  if we consider the former government restrictions on travels abroad.

It seems that Underground Restaurants are more popular in the US rather than in Europe, but lately more and more people are opening their houses and kitchens to the public also in London, Paris and Rome.

Pros:

  • The first one is eating food you will never find in restaurants, especially traditional family recipes like my Nonna’s potato gateau. This definitely is a good occasion for gourmet tourists, because they have the possibility to try an authentic cuisine that they are not familiar with. Moreover, during the whole eating experience, they could learn precious tips in order to reproduce those recipes at home and win over their guests.
  • Secondly, these events represent a chance to socialise for both guests and hosts.

Image

Cons:

  • Safety: what if the host is a homicidal maniac that would cut me into pieces the moment I set foot in their house? A bit of exaggeration here, but I believe this is the same thing that hosts wonder about their guests. Well, even though these websites have a feedback rating system, both for hosts and guests, there is no way to prevent dangerous encounters. However, if we have to be rational, this impossibility also applies for normal daily life, as we cannot be sure if people we meet at the post office or at the supermarket are potential or actual criminals. We just do not think about it, right?
  • The legal stuff: since Underground Restaurants imply a hybrid and relatively new dining concept, there is no clear legislation so far. Moreover, laws vary in every country and according to the legal classification of the place chosen for the event (i.e. private house or private club / association), therefore there are no fixed guidelines especially about licences and taxes. Every website states this difference, trusts their hosts and requires them to comply with laws, declining responsibilities in case of a failure to pay taxes.
  • What about hygiene? Again there is no clear regulation stated, in fact if some websites ask hosts to follow a food hygiene course, others just do not. Trust is the key word, and since we are talking about private houses, the possibility of a clean and healthy environment is only 50%. Meaning: risk.

I know, I maybe sound like I have trust issues, but some friends working in restaurants, (yes, those places with licences and hygiene certificates) told me they “have seen things you people wouldn’t believe.” So if I cannot really trust places regulated by law, how can I be sure that someone else’s house would be clean? Again, it is impossible to have 100% guarantee but just to be on the safe side, Eatwith has an insurance that can protect both hosts and guests.

The whole idea of Underground Restaurants seems nice because it offers an alternative to conventional restaurants, with the possibility of meeting new people. Personally, I am not sure I would try this experience as it may be evident from the doubtful tone of this article, but I encourage everybody who wants to give it a try, to do so. Maybe not alone though.

Disclaimer: Pictures were legally downloaded from Eatwith.com. No Copyright Infringement intended.

And now in Italian.

Ogni volta che degli invitati al di fuori della mia famiglia finivano di pranzare a casa di mia Nonna, spesso sentivo queste parole: “dovresti farti pagare per un pranzo così buono.” Poi tutti incominciavamo a fantasticare sull’ipotetico prezzo e finivamo per riderci su.

Però, mentre me la ridevo ingenuamente, qualcuno ha trasformato gli eventi in case private, in un business. Si chiamano Underground Restaurant, un concetto semplice e si avvalgono delle moderne tecnologie informatiche per pubblicizzarsi. Funziona così: si sceglie un sito tipo Eatwith o Newgusto, si cercano tutte le possibili opzioni nelle vicinanze o nella nostra meta di viaggio, si sceglie, si paga (spesso con paypal) e si va a cena.

Gli Underground Restaurant sono la versione moderna delle Paladares cubane, delle abitazioni adibite a ristoranti aperte ai turisti stranieri. Grazie alle Paladares i cubani hanno potuto incrementare i loro guadagni e essere in contatto con popoli provenienti da nazioni differenti, un’ottima occasione per condividere cultura se consideriamo le precedenti restrizioni  governative riguardanti i viaggi all’estero.

Sembra che gli Underground Restaurant siano più popolari negli Stati Uniti che in Europa, ma ultimamente sempre più persone stanno aprendo le loro case e le loro cucine al pubblico anche a Londra, Parigi e Roma.

I pro

  • Il primo aspetto positivo è poter assaggiare dei cibi che non si trovano nei ristoranti, specialmente le ricette tradizionali di famiglia, come ad esempio il gateau di patate di mia nonna (meglio conosciuto come “la pizza di patate”). Questa è sicuramente una buona occasione per i turisti del gusto, prima di tutto perché possono avvicinarsi ad una cucina che non conoscono. In più, durante la serata possono avere dei suggerimenti  per preparare quelle ricette a casa, in modo da conquistare i loro commensali.
  • Secondo, questi eventi rappresentano un’occasione per socializzare, sia per i padroni di casa, sia per i loro ospiti.

I contro

  • La sicurezza: e se il padrone di casa fosse un maniaco omicida? e se mi facesse a pezzi nel momento stesso in cui metto piede in casa sua? Credo che, esagerazione a parte, questa sia la stessa domanda che i padroni di casa si pongono nei riguardi dei loro ospiti. Comunque, anche se questi siti hanno un sistema di feedback sia per i padroni di casa, sia per gli ospiti, non c’è alcun modo per prevenire incontri pericolosi. Se dobbiamo parlare razionalmente, questa impossibilità è applicabile anche alla vita quotidiana, perché non c’è modo di sapere se tra la gente in fila alle poste o al supermercato ci sia un potenziale o vero criminale. Semplicemente non ci pensiamo, giusto?
  • La parte legale: poiché gli Underground Restaurant implicano un concetto ibrido e relativamente nuovo di “mangiare fuori”, fino ad ora non ci sono chiare norme dal punto di vista legale. In più, le leggi variano da paese a paese e secondo la classificazione legale del luogo scelto per l’evento (ad esempio se si tratti di una casa privata o di un circolo/club), per cui non ci sono delle linee guida stabilite in merito di licenze e tasse. Ogni sito ribadisce queste differenze, e confida nella buona fede dei padroni di casa, declinando ogni responsabilità in caso di mancato pagamento delle imposte relative al servizio.
  • Per quanto riguarda le norme igienico-sanitarie? Anche qui non ci sono regole precise, infatti se alcuni siti chiedono ai padroni di casa di ottenere un certificato di idoneità igienico-sanitaria, per altri non è necessario. La parola chiave è fiducia e visto che si parla di case private, la possibilità che l’ambiente rispetti l’igiene necessaria è il 50%. In altre parole, si rischia.

So che posso sembrare una persona che ha problemi a fidarsi, ma ho amici che lavorano nella ristorazione (dove ci sono certificati e licenze da rispettare) e hanno “visto cose che voi umani non potete neanche immaginare.” Perciò, se non posso fidarmi di posti in cui si dovrebbe rispettare la legge, come posso essere sicura che una casa di sconosciuti sia pulita? Ancora una volta non è possibile avere garanzie, ma, giusto per essere sicuri, Eatwith ha un’assicurazione che protegge sia i padroni di casa, sia gli ospiti.

L’idea degli Underground Restaurant sembra carina, perché offre un’alternativa ai ristoranti convenzionali, con la possibilità di conoscere gente nuova. Personalmente, non credo che per ora non proverò questa esperienza, come si può dedurre dal tono dell’articolo, ma credo che chiunque voglia, debba farlo. Magari non da soli.

Disclaimer: le immagini presenti in questo post sono state legalmente scaricate da Eatwith.com e non sono utilizzate a scopo di lucro.

From chefs to opinion leaders, educating people through social media

Image

Let’s be honest, when it comes to cooking a good meal, do we still look at that old dusty recipe book that we all have in the kitchen? no, we go straight to our computer, on youtube. Likewise, before dining out, we check tripadvisor or yelp for reviews, then instagram to see how the food looks like and eventually twitter or facebook to check if there is any special of the day. Ok, maybe we do not really check all social media, but one or two for sure, would you deny it?

Have social media changed our dining habits? Definitely, this is believed by many, not only experts. In fact, even my mum realised this, asking me why some guys were spasmodically taking pictures rather than eating their food. I am not sure she understood the pairing hipster-instagram but restaurant industry professionals did, and they suddenly realised the social media entered the restaurant world. So the question was, how to face this “make or brake” opportunity, and the answer was: embraced it all with pros and cons. However, some chefs went even further, bringing social media into the kitchen. This allowed them to establish a close relationship with their customers and fans, becoming something more than people who cook, they became opinion leaders.

As a matter of facts, cooking shows like Masterchef contributed to boost chefs’ popularity and social media shaped a new concept of chef as someone who “comes out of the kitchen” sharing on social media (twitter in particular) their private life, their social initiatives, but most of all they promote themselves as a brand.

I remember when choosing the kind of high school that suited me the most,* students would rarely choose to enrol in culinary school. Now circumstances have radically changed, because those who seriously dedicate their life to cooking, do not just cook. They also acquire knowledge and expertise in additional sectors:

  • Chemistry: first of all, cooking requires research and experiments, so it is necessary to study the structure of raw materials, how they react and transform with heat and cold, what substances they release and how to combine them in order to transform the mere action of eating in a memorable experience. Moreover, researching and playing with raw materials and textures, led to famous masterpieces which consecrated chefs as Ferran Adrià, Heston Blumenthal, Massimo Bottura and René Redzepi in the international gastronomic panorama. Following these chefs on social media allow their fans to learn some techniques, in order to achieve the best flavours at home.
  • Design: it is important to highlight the artistic composition of each course on the menu, because we taste first with our eyes. For example, in order to try different visual solutions for the same dish,  Ferran Adrià had several clay models that he arranged in different ways. Furthermore, since chefs strive for perfection, the atmosphere surrounding their creations has to be impressive as their dishes, therefore some chefs like Davide Oldani design their own tableware and cutlery, while others just as Ferran Adrià entrust famous designers to do so. Chefs regularly post pictures on the internet of their artistic dishes or tableware to share them with their fans.
  • Social issues connected with eating habits: for example obesity is the main focus of Jamie Oliver’s Food revolution. Chefs are also very environmentally conscious, so, when it comes to issues like overfishing they are willing to do their part. As a matter of fact, when Gordon Ramsay, Heston Blumenthal and Jamie Oliver had a shooting for the Daily Mail and they were asked to wear a fish in place of their necktie, they agreed as long as the fish was sustainable, because they felt responsible towards the public. In other words, they were behaving as opinion leaders.

All these aspects outline new characteristics of what being a chef has currently become, according to what it is filtered through social media. Chefs are now creative talents who achieve success and, frankly, this is not a surprise. First of all, being able to cook is sexy, and if there is more behind those skills, then appeal and kudos increase rapidly.

Consequently, cooking shows are experiencing an unbelievable success, more and more students enrol in culinary schools and food awareness seems to develop more than before.

Someone would argue that this is just a big fat lie, a huge marketing operation to bring money in chefs’ pockets, but I cannot really agree. What I see is, yes, a marketing operation but with an educational aim: spread food awareness and educate the palate. This does not mean truffles, caviar or some other luxury, especially during the current credit crunch, but more a re-discovery of traditional authentic flavours. Then, after people are aware, educated, and if they can afford it, they can experience and appreciate a dinner at these opinion-leader-chefs’ restaurants.

The fact that chefs have become opinion leaders thanks to social media is undoubtedly positive, because they gained credibility to guide the public towards food in all its aspects. Appeal and success make youths want to imitate their leaders and have a career in the restaurant industry. A fleeting trend? maybe, because only few have that willpower, abnegation and infinite passion that is takes to become the new Redzepi or Bottura. That’s the way it is.

I believe that chefs and social media is remarkable pairing, especially if, as opinion leaders, they can spread knowledge and awareness, because an educated customer can have better eating habits and broaden their curiosity towards new horizons.

*In Italy there are different paths to choose in high school (the scientific, the humanistic, linguistic, cooking one and few others )

And now in Italian.

Siamo onesti, quando si tratta di cucinare guardiamo ancora quel libro polveroso che tutti abbiamo in cucina? no, andiamo direttamente al computer, su youtube. Allo stesso modo, prima di andare a cena fuori controlliamo le recensioni di tripadvisor, poi instagram per vedere le foto dei piatti, e alla fine twitter o facebook per controllare se ci sia qualche piatto del giorno. Ok, magari non diamo un’occhiata a tutti i social media, ma uno o due di sicuro, lo potete negare?

I social media hanno cambiato le nostre abitudini in fatto di mangiare fuori? Senza dubbio, lo credono in molti, e non solo esperti del settore. Infatti, anche mia mamma ci ha fatto caso, quando mi ha chiesto perché alcuni ragazzi perdessero tempo a fotografare il loro cibo da ogni angolazione piuttosto che mangiarlo. Non credo che abbia capito il binomio hipster-instagram, ma i professionisti del settore della ristorazione sì, e hanno anche capito che i social media erano, di fatto, entrati nel loro mondo. Quindi la questione era come affrontare un’opportunità che si sarebbe potuta rivelare un successo o un fallimento, e la risposta è stata accettarla con tutti i pro e i contro. Alcuni chef si sono spinti anche oltre, facendo entrare i social media anche in cucina. Tutto ciò ha permesso loro di creare una relazione più stretta con i clienti e i fan, diventando qualcosa di più di semplici persone che cucinano: sono diventati degli opinion leader.

Programmi televisivi come Masterchef hanno contribuito ad aumentare la popolarità degli chef, e allo stesso tempo i social media hanno plasmato una nuova figura, quella del cuoco che esce dalla cucina e condivide sui social media (soprattutto twitter) la sua vita privata, le sue campagne sociali, ma soprattutto la promozione di sé stessi come brand.

Ricordo che al momento della scelta della scuola superiore, era raro che molti studenti scegliessero l’istituto alberghiero. Ora le circostanze stanno cambiando radicalmente, anche perché coloro che si dedicano seriamente alla cucina, non fanno solo quello, ma acquisiscono competenze anche in altri settori:

  • Chimica: prima di tutto, cucinare implica ricerca e sperimentazione, quindi è necessario studiare la struttura delle materie prime, come esse reagiscono al calore e al freddo, quali sostanze rilasciano e come conviene combinarle, per trasformare la semplice azione del mangiare in una esperienza memorabile. Ricercare e giocare con le materie prime e le consistenze è quello che ha portato alla creazione di capolavori che hanno consacrato chef come Ferran Adrià, Heston Blumenthal, Massimo Bottura e René Redzepi nel panorama gastronomico internazionale. Seguire questi chef sui social media, permette al loro pubblico di imparare delle tecniche da replicare a casa per ottenere degli ottimi piatti.
  • Design: è importante sottolineare la composizione artistica di ogni piatto, perché è vero che il primo assaggio viene fatto con gli occhi. Per esempio, Ferran Adrià ha dei modellini in creta che, disposti in maniera differente, permettono di creare diverse soluzioni visive per lo stesso piatto. In più, poiché gli chef tendono a cercare la perfezione, l’atmosfera che circonda le loro creazioni deve essere altrettanto perfetta, quindi, ci sono chef come Davide Oldani che disegnano i loro servizi di  posate e piatti, mentre altri come Adrià si affidano a famosi designer. Sia le creazioni culinarie, sia quelle di design vengono costantemente pubblicate sui social network.
  • Problematiche sociali connese alle abitudini alimentari: per esempio, l’obesità è il nodo centrale della Food Revolution di Jamie Oliver. Gli chef hanno anche una certa attenzione all’ambiente, ecco perché sono disposti a fare la loro parte riguardo problemi come la pesca eccessiva. Un chiaro esempio venne dato da Gordon Ramsay, Heston Blumenthal e Jamie Oliver, quando durante un servizio fotografico per il Daily Mail venne chiesto loro di indossare un pesce al posto della cravatta. Loro accettarono alla sola condizione che si trattasse si pesci appartenenti a specie non in pericolo, perché si sentivano responsabili delle loro scelte nei confronti del pubblico. In altre parole, stavano comportandosi come opinion leader.

Tutti questi aspetti delineano nuove caratteristiche di quello che essere chef è diventato, secondo quanto viene filtrato dai social media. Gli chef sono dei talenti creativi che hanno successo e, francamente, non è una sorpresa. Prima di tutto perché cucinare è sexy, e se c’è di più al di là di queste capacità, l’appeal aumenta. Di conseguenza, le trasmissioni televisive di cucina continuano ad avere successo, sempre più studenti si iscrivono alle scuole di cucina e si sta diffondendo rapidamente un certo livello di consapevolezza per quello che finisce nei nostri piatti. Qualcuno potrebbe obiettare che si tratti di un’abile operazione di marketing volta ad arricchire gli chef, ma non concordo in pieno. Quello che penso è che sì, è un’operazione di marketing, ma con un intento educativo: quello di educare il palato e la conoscenza dei cibi. Tutto ciò non significa mangiare tartufi, caviale o qualche altro genere di lusso (specialmente durante l’attuale crisi economica), ma piuttosto una riscoperta dei sapori autentici della tradizione. In seguito, una volta acquisita una certa consapevolezza e se è possibile permetterselo, si può provare l’esperienza di una cena nei ristoranti di questi chef/opinion leader.

Il fatto che gli chef siano diventati degli opinion leader grazie ai social media, è senza dubbio positivo, perché hanno acquisito la credibilità necessaria per guidare il pubblico verso il cibo in tutti i suoi aspetti. Il fascino e il successo degli chef spingono i giovani ad imitare i loro opinion leader per inseguire una carriera nell’ambito della ristorazione. Una moda passeggera? forse, perché solo in pochi hanno la volontà, lo spirito di sacrificio e la passione per diventare i nuovi Redzepi o Bottura.

Credo che chef e social media siano un binomio degno di nota, specialmente se, come opinion leader, possono condividere le loro conoscenze, perché un cliente consapevole può acquisire migliori abitudini alimentari e può ampliare la propria curiosità verso nuovi orizzonti.